Cattedrale

CENNI STORICI

Fondata nel 1064 e consacrata con grande solennità il 26 settembre del 1118, la costruzione della Cattedrale conobbe due fasi, legate rispettivamente agli architetti Buscheto, cui si deve l’impianto originario con corpo basilicale a cinque navate, transetto a tre navate e cupola sulla crociera, e Rainaldo, responsabile del prolungamento dell’edificio e della facciata. La costruzione fu definitivamente conclusa soltanto nell’ultimo quarto del XII secolo, quando, nel portale centrale, furono collocati i battenti bronzei di Bonanno, andati poi perduti nel devastante incendio del 1595, a seguito del quale furono effettuate numerose sostituzioni di opere distrutte e avviato un vasto programma decorativo.

ESTERNO

La Cattedrale presenta nel suo paramento esterno contrastate cromie bianco-nere di matrice araba, sia a zone sia a fasce, e un uso massiccio di materiali di reimpiego provenienti da monumenti d’età romana, allo scopo di sottolineare la grandezza della città di Pisa altera Roma. Elementi decorativi quali losanghe, un grifone bronzeo di manifattura islamica sul culmine del tetto, e altri orientalismi, come la cupola a pianta ellittica, radicati nella cultura mediterranea della città e dell’architetto, danno forma e colore a un monumento straordinariamente nuovo e antico al tempo stesso.

INTERNO

Delimitata da due file di colonne monolitiche in granito dell’Isola d’Elba, la navata centrale è fiancheggiata da quattro navatelle spartite da colonnati di minori dimensioni, sopra le quali si estendono vasti matronei. Copre la navata centrale un soffitto ligneo a cassettoni che nel XVII secolo sostituì le originarie capriate a vista. Ricco e sontuoso è l’apparato decorativo della Cattedrale pisana, il cui sviluppo è legato a una storia spesso tormentata, segnata da eventi talvolta calamitosi che culminarono nell’incendio del 1595. Delle importanti commissioni che andarono a integrare l’arredo della Cattedrale nella prima metà del Trecento restano così la decorazione musiva del catino absidale – di cui si deve a Cimabue la figura di San Giovanni Evangelista (1302 ca.), il nuovo pulpito (1302-1310) di Giovanni Pisano e lo smembrato Monumento sepolcrale dell’Imperatore Arrigo VII (1315).

ORARI SANTE MESSE

Orario annuale delle liturgie in Cattedrale
  • Giorni feriali
    ore 8.00
    ore 9.00 (Recita delle Lodi con il popolo)
    ore 9.15
  • Giorni festivi
    ore 8.00
    ore 9.30
    ore 11.00 (messa conventuale con la presenza dei canonici)
    ore 12.15
    ore 17.00 (ore 18.00 d’estate)
Solennità, feste, ricorrenze
  • 1 Gennaio, Santa Madre di Dio
    8.00 – 9.30 – 11.00 – 12.15 – 17.00 (presieduta dall’Arcivescovo)
  • 6 Gennaio, Epifania
    8.00 – 9.30 – 11.00 (presieduta dall’Arcivescovo) – 12.15 – 17.00
  • 2 Febbraio, Candelora
    17.30 (presieduta dall’Arcivescovo)
  • Domenica delle Palme
    8.00 – 9.30 – 10.45 Benedizione dell’ulivo in Battistero, Processione verso la Cattedrale – 11.00 Santa Messa della Passione (presieduta dall’Arcivescovo) – 12.15 – 17.00 (ora solare)/18.00 (ora legale)
  • Triduo Pasquale
    Giovedì Santo: 9.30 Processione dal Battistero verso la Cattedrale, segue Santa Messa Crismale (Benedizione degli Oli Santi) – 18.00 Santa Messa nel ricordo della Cena del Signore (Lavanda dei piedi, Reposizione del Santissimo) – 21.00 – Adorazione notturna individuale e comunitaria davanti al Santissimo Sacramento
    Venerdì Santo: dalle 8.00 alle 18.00 prosegue adorazione individuale e comunitaria davanti al Santissimo Sacramento – 18.00 Liturgia della Passione del Signore – 21.00 Processione penitenziale cittadina dalla Chiesa del Carmine alla Cattedrale
    Sabato Santo: 15.30 – 18.00 Confessioni – a partire dalle 21.30 Confessioni – 22.30 Solenne Veglia Pasquale
  • Domenica di Pasqua
    8.00 – 9.30 – 11.00 Santa Messa Pontificale (presieduta dall’Arcivescovo) – 12.15 – 17.00 (ora solare)/18.00 (ora legale)
  • Ascensione
    8.00 – 9.30 – 11.00 (messa conventuale con la presenza dei canonici) – 12.15 – 18.00
  • Domenica di Pentecoste
    8.00 – 9.30 – 11.00 (presieduta dall’Arcivescovo) – 12.15 – 18.00
  • Domenica della SS. Trinità
    8.00 – 9.30 – 11.00 (messa conventuale con la presenza dei canonici) – 12.15 – 18.00
  • Corpus Domini
    8.00 – 9.30 – 11.00 – 12.15 – 18.00 (solenne S. Messa presieduta dall’Arcivescovo, che prosegue con la Processione Eucaristica)
  • 14 15 16 Giugno, Triduo di S. Ranieri
    8.00 – 9.00 (Recita delle Lodi con il popolo) – 9.15 – 18.00 S. Messa e Vespri con il popolo
  • 17 Giugno, Solennità di S. Ranieri
    10.30 Processione introitale dal Battistero al Duomo con i Vescovi della Toscana
    11.00 Solenne Concelebrazione presieduta dall’Arcivescovo
    18.00 Vespri Solenni presieduti dall’Arcivescovo
  • 15 Agosto, Assunzione di Maria Vergine (Titolare della Cattedrale)
    8.00 – 9.30 – 11.00 (presieduta dall’Arcivescovo) – 12.15 – 18.00
  • 22 23 24 Ottobre, triduo della Madonna di Sotto gli Organi
    17.00 S. Rosario meditato – 18.00
  • 25 Ottobre, Festa della Madonna di Sotto gli Organi
    17.00 Solenne concelebrazione con l’Arcivescovo
  • 1 Novembre, Tutti i Santi
    8.00 – 9.30 – 11.00 (presieduta dall’Arcivescovo) – 12.15 – 17.00
  • 2 Novembre, Commemorazione dei defunti
    8.00 – 10.30 (presieduta dall’Arcivescovo. Al termine della messa, benedizione delle tombe nel Camposanto Monumentale e in Cattedrale)
  • 8 Dicembre, Solennità dell’Immacolata
    8.00 – 9.30 – 11.00 – 12.15 – 17.00
  • 24 Dicembre, Vigilia del S. Natale
    8.00 – 9.00 Recita delle Lodi con il popolo – 9.15 – 22.00 apertura della Cattedrale per le S. Confessioni – 24.00 (Messa solenne presieduta dall’Arcivescovo)
  • 25 Dicembre, S. Natale
    8.00 – 9.30 – 11.00 (Messa solenne e benedizione papale) – 12.15 – 17.00
  • 31 Dicembre, Ultimo giorno dell’anno
    8.00 – 9.00 Recita delle Lodi con il popolo – 9.15 – 17.00 (presieduta dall’Arcivescovo) e Te Deum di ringraziamento
L’orario può essere soggetto a variazioni.